Metodo EPOCA, crea la tua strategia

Il termine Epoca, dal greco Epoché, fa riferimento a periodi storici tanto imponenti quanto rilevanti da rappresentare complessivamente una cesura rispetto al normale flusso del tempo. Entrare in una nuova epoca simbolicamente indica una spartiacque fra un “prima” e un “dopo”, un punto di non ritorno nel cammino della storia. Segnare un’epoca significa lasciare un’impronta indelebile su qualcosa e ciò può valere per qualsiasi aspetto della vita sociale (arte, cultura, istituzioni, politica, stili di vita). Probabilmente pochi termini della lingua italiana possiedono la medesima forza suggestiva e analoga autorevolezza semantica.

Oggi siamo giunti ad un punto della storia in cui anche il mondo del lavoro è così radicalmente “altro” rispetto agli schemi cognitivi con cui siamo abituati a rappresentarcelo, da richiedere un salto epocale nell’approccio alla ricerca dello stesso. L’approccio attuale ha come retroterra culturale l’idea del lavoro come concessione o fortuna elargita da altri, verso cui provare automatica gratitudine, e non come la naturale realizzazione della propria individualità e del proprio talento. Come un qualcosa che si “domanda”, e non più che si “offre”, con un’anomala e insana inversione semantica rispetto al concetto economico di domanda e offerta.

Il sempre crescente gap fra domanda e offerta, le innovazioni tecnologiche, l’irruzione del web, l’emergere di nuove prassi organizzative e produttive impongono oggi un salto di qualità rispetto all’ideal-tipo classico della “persona in cerca di occupazione”, quasi un corpo avulso dal contesto sociale, seduto davanti al pc alla caccia di annunci, iscrizioni a svariati siti, assalito da alert poco profilati. Orientato a inviare a pioggia curriculum vitae dall’impostazione dozzinale senza la minima attenzione al destinatario e alle sue richieste. La scarsità del lavoro rende inefficace ogni forma di standardizzazione legata a cv e agli strumenti, rimettendo al centro l’individualità delle persone, le loro peculiarità, la loro unicità, la loro capacità di essere loro stessi attrattori di opportunità.
Una espressione che ben riassume oggi questa necessità di proattività e intraprendenza individuale è quella di Personal Branding, termine che indica la capacità di promuovere sè stessi agli altri, con modalità simili a quanto avviene per le imprese commerciali. Fare di sè stessi un brand che abbia una sua riconoscibilità sul mercato, a cui siano associate determinate qualità, valori e competenze, e che quindi sia unico, attrattivo e desiderabile agli occhi degli interlocutori.

L’obiettivo del metodo EPOCA è , pertanto, quello di provare a mettere a sistema una strategia appropriata di personal branding che possa essere uno strumento utile per tutti coloro che intendono realizzarsi in campo professionale, uniforme e semplice nella procedura, ma flessibile e adatto alla pluralità delle identità di valore che intende “liberare”.  

Il metodo EPOCA ha l’ambizione di rappresentare quella cesura tra un prima e un dopo, quel passaggio epocale, appunto, dalla ricerca di lavoro classica, passiva e standardizzata ad una modalità nuova, attiva e propositiva, tutta incentrata sulla soggettività dell’individuo e sulla messa a valore di competenze, talenti e potenzialità.

EPOCA è anche un acronimo che riassume le cinque fasi, in rigoroso ordine cronologico, attraverso cui tale metodo si sviluppa:

E come Esperienze
P come Progetto
O come Offerta
C come Comunicazione
A come Analisi